COMPOST PER L'AGRICOLTURA CONTRO LA DESERTIFICAZIONE

Con la puntata di lunedì 24 marzo, il bimensile radiofonico “Helios, una luce per l’ambiente” ha concluso il ciclo di due puntate dedicate all’”Agricoltura sostenibile e biodiversità”.
Si è parlato di compost, di concimi e di come chiudere il ciclo di crescita, consumo e riutilizzo.

Il primo ospite della trasmissione condotta da Elena Gallucci di Primaradio con Flavio Gotta di Gaia spa, è stato Marco Alizeri, conoscitore ed esperto di scarti compostabili e biodegradabili.
“Oggi per biodegradabile – ha detto - viene inteso anche quel materiale che viene disgregato pur restando della sua materia originaria. Esempio delle stoviglie monouso compostabili”. Sono compostabili i materiali che derivano da fonti rinnovabili e che in 90 giorni di trattamento negli impianti di compostaggio, si trasformano in compost.
I prodotti monouso compostabili sono quelli prodotti da tre elementi:
1 Polpa di cellulosa, ricavata dalla canna da zucchero
2 Pla acido poliattico di mais prodotto in America.
3 Mater-Bi, una delle prime bioplastiche di largo consumo, iniziata con amidi vegetali. E’ un prodotto italiano completamente rinnovabile.

Nel secondo intervento ha parlato Matteo Fischetti, ingegnere ambientale, capo ufficio tecnico di Gaia spa
Perché il compost rende l’agricoltura sostenibili?
Da parecchi anni – ha spiegato - si osserva una carenza della sostanza organica nei terreni. Questa è la parte vitale, con organismi e sostanze che permettono alle piante di crescere. La desertificazione si ha quando il terreno è composto da sole sostanze minerarie”.
Tutti gli ammendanti che forniscono sostanza organica al terreno (compost, letame e colture) a loro volta aiutano a reintegrare la sostanza persa.
In che modo si può contenere questo processo di desertificazione della terra?
“Il contenimento della desertificazione dei suoli agricoli – ha chiarito Fischetti - deriva dalle modalità e dalle tecniche colturali. Il terreno deve essere inserito in un ciclo per cui ciò che viene sottratto deve essere riequilibrato. Il compost oltre a non incidere sui costi, aiuta anche a trasformare in risorsa ciò che era un rifiuto”.

Tema del mese di aprile (lunedì 14 e 28, sempre alle 12,15) sarà la “Prevenzione del Rischio”.
 

Ultimo aggiornamento : 01/04/2014  
A cura di : Divulgazione e Informazione 2  

<< PAGINA PRECEDENTE