Norme ambientali nazionali

 In materia ambientale il riferimento è il cosiddetto "Codice Ambientale", ovvero il

Decreto Legislativo n. 152 del 03 aprile 2006

come consolidato in seguito a modifiche ed integrazioni avvenute attraverso l'emissione di successivi provvedimenti "correttivi"; per citarne solo alcuni:

  • D.Lgs. n. 205/2010 in materia di rifiuti
  • D.Lgs. n. 219/2010 in materia di acque
  • DM n. 52 del 18 febbraio 2011 ed il DM n. 219 del 10 novembre 2011 in materia di SISTRI

Il D.Lgs. 152/2006 ha la seguente struttura:

  • Parte prima: disposizioni comuni e principi generali
  • Parte seconda: procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione d'impatto ambientale (VIA) e per l'Autorizzaizone Integrata Ambientale (IPPC)
  • Parte terza: norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall'inquinamento e di gestione delle risorse idriche
  • Parte quarta: norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati
  • Parte quinta: norme in materia di tutela dell'aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera
  • Parte sesta: norme in materia di tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente
  • Allegati

Inoltre, dal 16 agostro 2011, è in vigiore il D.Lgs. n. 121/2011, che ha recepito la Direttiva europea 2008/99/CE sulla tutela penale dell'ambiente; tale provvedimento ha integrato con i reati ambientali quelli rientranti nell'ambito di applicazione del D.Lgs. 213/2001 sulla responsabilità amministrativa (penale) degli enti e delle imprese.

Ultimo aggiornamento : 23/01/2012  
A cura di : SGQAS -1